Lough Neagh: il lago che un gigante creò al centro dell’Irlanda del Nord

Poichè nei prossimi articoli vi parlerò della visita alla riserva naturale Oxford Island, sita sulle rive del Lough Neagh, voglio prima spendere qualche parola su questo grande lago situato nella parte centrale dell’Irlanda del Nord.

Lough-Neagh.svg
Image: wikipedia.org

Per prima cosa, “lough” non è altro che “lago” in irlandese (a dir la verità con qualche sottilissima differenza rispetto al nostro significato) e proviene dal gaelico “loch” (come il famoso Loch Ness in Scozia). La pronuncia del nome “Lough Neagh” non è quindi inglese, ed in italiano suona un po’ come “loc nè“.

LNWW
Image: www.discoverloughneagh.com

Il Lough Neagh è il lago più grande non solo di tutta l’Irlanda, ma dell’intero arcipelago britannico, nonché il settimo dell’Europa Occidentale, con i suoi 30 km di lunghezza e 15 km di larghezza. Il suo perimetro tocca ben cinque delle sei contee dell’Irlanda del Nord ed all’interno conta molte isole.

Ma come si è formato questo lago? La mitologia irlandese fornisce la sua versione, come sempre meravigliosa: secondo la leggenda il lago fu creato dal gigante Fionn mac Cumhaill (Finn Mac Cool in inglese), mitico guerriero protagonista del Ciclo Feniano, uno dei quattro grandi cicli irlandesi. Durante un litigio con un gigante scozzese, Fionn avrebbe preso un pezzo di terra per lanciarlo al suo rivale, lasciando un cratere e creando così il Lough Neagh. Inoltre, poiché il lancio non andò a buon fine, il terreno atterrò in mare e creò l’Isola di Man.

Sem-título3634
Image: www.lurganancestry.com/

Un’altra leggenda parla dell’origine di questo grande lago, questa volta spiegando anche da dove provenga il nome: secondo quest’ultima, il lough prenderebbe il suo nome da Echaid, figlio di Mairidh, re del Munster. Echaid si innamorò della madre adottiva ed i due decisero di scappare insieme, ma qualcuno uccise tutti i loro cavalli. Apparve allora Oengus, dio dell’amore, che donò loro un gigantesco cavallo con il magico potere di trasportare tutti i loro possedimenti, ma con un avvertimento: se il cavallo si fosse fermato a riposare, i due sarebbero andati incontro alla loro rovina. Arrivati in Ulster, il cavallo si fermò per urinare e dal quel luogo nacque una sorgente. Echaid decise che quello sarebbe stato il luogo giusto per fermarsi, mise una pietra sopra la sorgente così da tenerla a bada e costruì la sua casa. Una notte, però, dimenticò accidentalmente di coprire la sorgente con la pietra ed essa allagò tutto, annegando Echaid e quasi tutta la sua famiglia e creando il Loch n-Echach: il Lago di Echaid.

“Angus Og, God of Love and Courtesy, Putting a Spell of Summer Calm on the Sea” by John Duncan, 1908
(Visited 1.551 times, 3 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Riserva naturale Oxford Island: i sentieri e la Kinnego Marina

Qualche giorno fa ho raccontato la prima parte della nostra visita alla...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge