Un mese leggendo e-book gratuiti: com’è andata?

Ricordate il mio post del mese scorso, “- 3 giorni alla partenza: e-books gratuiti per valigie più leggere”? Data la mia partenza per l’Irlanda del Nord per più di un mese ed il budget al solito limitato, avevo deciso di provare a tagliare il peso dei bagagli portando con me e-books da leggere sul tablet piuttosto che pesanti libri cartacei. Da qualche giorno sono tornata in Italia, quindi l’esperimento può considerarsi concluso. Com’è andata?

free ebooks monthDopo anni di strenua lotta al libro digitale a causa del mio attaccamento al formato cartaceo, direi che l’esperimento è andato molto bene. Complice l’accorciarsi della lista di classici rimasti da leggere, negli ultimi anni ammetto di aver vissuto un calo della voglia di leggere. Di libri non letti nella mia libreria ce ne sono ancora molti, ma, in qualche modo, l’aver smesso di acquistare spesso nuovi volumi ha spento (poco, but still) il mio amore per la lettura. La possibilità di avere a disposizione praticamente qualsiasi libro si voglia, quasi istantaneamente ed in ogni luogo, ha il suo appeal. Un pro sicuro è anche quello del trovare moltissimi libri da scaricare gratuitamente o a costi molto contenuti. In questo mese ho portato con me e letto esclusivamente libri in edizione free, in particolare il Volume 1 delle “Novelle per un anno” di Luigi Pirandello e “La collina dei sogni” di Arthur Machen (come ho scritto qui, ho trovato il libro in lingua originale e son stati un po’ dolori). Tutto sommato, anche la fruizione da tablet in modalità lettura non è stata malaccio: non la consiglierei magari per lunghi periodi, ma temporaneamente è sopportabile.

Se non lo trovo al 100% il metodo perfetto, poiché sono ancora molto attaccata all’oggetto libro, non mi turba affatto per quei volumi che magari devo acquistare per lavoro; soprattutto quelli che trattano di web, spesso e volentieri diventano obsoleti dopo magari un anno (se non qualche mese), e non ho mai trovato alcun vantaggio o piacere nell’averli in formato cartaceo.

Nell’articolo di un mese fa consigliavo un’applicazione gratuita per Android, AlReader, che ho però in seguito cambiato per un’altra, a mio avviso decisamente migliore: si tratta di Ub Reader, un altro lettore universale per i formati epub e pdf. Ho trovato la leggibilità di questa applicazione decisamente migliore rispetto all’altra; inoltre mi piace che all’accesso mostri un’interfaccia a scaffali ed i volumi possano essere divisi per sezioni. Non ho provato lo store in-app per il momento, ma la descrizione assicura “Nel negozio di eBook in-app è possibile navigare e fare acquisti oltre 560.000 libri in 9 lingue, tra cui migliaia di libri gratuiti e gli ultimi best seller”.

Anche se non si tratta nello specifico di e-books, ottimo punto a favore dell’avere un tablet con me è stato quello di poter scaricare le guide gratuite o le brochure dei luoghi che sono andata a visitare: anche in questo caso la leggerezza è stato un vantaggio, ed ho potuto girare per città e luoghi di interesse senza dover portare con me guide pesanti o scomode.

Concludendo: ho aperto un piccolo spiraglio nel mio “no” assoluto e ne sono felice. Poi, però, quando “Vincent” mi è arrivato in Irlanda e me lo sono abbracciato e sfogliato fisicamente sul divano non mi è dispiaciuto affatto e non lo avrei scambiato mai e poi mai con un e-book 😉

(Visited 217 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Sketching around: sottobosco irlandese (Gosford Park)

(Visited 160 times, 1 visits today) Correlati
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.