“Vincent” di Barbara Stok: Van Gogh ad Arles a fumetti

L’ho desiderato moltissimo e finalmente è arrivato: “Vincent” di Barbara Stok, la graphic novel dedicata a Van Gogh che illustra il suo periodo passato ad Arles in Provenza.

vincent1lE’ uno dei regali di Stephen per il mio compleanno ed ha voluto farmelo avere in italiano: così ha acquistato una copia fresca di stampa della Bao Publishing ed abbiamo aspettato che dall’Italia arrivasse in Irlanda del Nord. Purtroppo non ce l’ha fatta ad essere qui in tempo per il mio compleanno, ma ieri, finalmente, ci è stato consegnato.

La graphic novel “Vincent” è stata disegnata dalla famosa illustratrice olandese Barbara Stok su richiesta del Van Gogh Museum di Amsterdam ed edita per l’Italia, come accennato poco sopra, dalla casa editrice dedicata al fumetto Bao Publishing.

Il libro è un breve ma coloratissimo “diario” degli ultimi anni di vita di Vincent Van Gogh: nel 1888, grazie all’aiuto del fratello Theo, il pittore può esaudire il suo sogno di trasferirsi “al Sud”, ovvero ad Arles, in Provenza, e dipingere. Questo non è l’unico obiettivo che l’artista persegue: Vincent vorrebbe creare un’atelier comune, nel quale altri pittori possano andare a vivere e lavorare. Per questo Van Gogh ospita Gauguin, che vorrebbe fosse il maestro dell’atelier, sino a che la sua condizione mentale, in continuo peggioramento a causa dello stress per la condizione economica e del lavoro costante e ininterrotto, non obbliga quest’ultimo a fuggire. Sarà in seguito a ciò che il pittore deciderà di ritirarsi per qualche tempo in un istituto nel quale stare sotto controllo, ed infine tornerà brevemente alla libertà prima della morte.

Le illustrazioni di Barbara Stok sono semplicemente fantastiche: semplici ed allo stesso tempo piene di forza, raccontano in modo coloratissimo e poetico le vicende di Van Gogh, e sono perfette nella narrazione del pittore come uomo e della sua relazione amorevole con il fratello Theo (molti dei brani del libro, su richiesta del Van Gogh Museum, sono tratti dalla corrispondenza originale tra i due), ma anche del nascere e crescere degli stati ossessivi e di follia nella sua mente.

Moltissime opere famose sono trasposte in fumetto per l’occasione, e Vincent e coloro che gli stanno intorno ne diventano i personaggi.

img077vbs1vincent-Barbara-Stok-selfmadehero-02Un libro semplice ma potente, poeticissimo, che umanizza e rende vicino un personaggio grande e fragile come Vincent Van Gogh.

vincent2lPotete leggerne una preview qui.

Acquistalo su Amazon a questo link (così mi aiuti a coprire le spese del blog ed a comprare altri libri 🙂 ). Grazie

E se vuoi saperne di più su Van Gogh in generale, visita questo link di Artsy 😉

(Visited 1.822 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

#MuseumWeek 2016: per una settimana musei protagonisti su Twitter

A quasi dodici mesi esatti di distanza, la Museum Week è tornata!...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.