“Fredda come un dolore, Dolcenera senza cuore.”

Forza Genova! La mia bella città in ginocchio. Soffro a pensare agli antichi, adorati vicoli inondati da fiumi di fango. Ai palazzi ed alle vie preziose dei quali solo una settimana fa vi parlavo mentre combattono contro una piena di detriti. Ai concittadini, amici, conoscenti e familiari, che hanno perso tutto o anche solo un pezzettino.

10360964_10204113140061506_4184346593108632076_nPotrei scrivere delle alluvioni che ho visto, ma non ho voglia di strumentalizzare quel che è successo nei giorni scorsi. So solo che negli ultimi anni sono state troppe, e vivere ogni autunno con l’ansia dei fiumi che ad ogni pioggia possano portarsi via tutto non è bello. Speriamo sia la volta buona perché qualcosa cambi. Intanto, proprio ora, ha riiniziato a piovere.

Amìala ch’â l’arìa amìa cum’â l’é
amiala cum’â l’aria ch’â l’è lê ch’â l’è lê
amiala cum’â l’aria amìa amia cum’â l’è
amiala ch’â l’arìa amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

(Visited 212 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Pane di Soda irlandese, la ricetta originale di Nonna Geraldine

Quando qualcuno mi chiede quali siano i cibi tipici dell’Irlanda del Nord,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.