Perdere l’appoggio e volare nell’eternità – da “Lo Spinoza di via del Mercato” di Isaac B. Singer

Immagine_Racconti_(Grandi_Romanzi_Corbaccio)_Isaac_B._Singer,Bruno_Oddera,Maria_Vasta_Dazzi,Mario_Biondi_-_2014-11-21_10.47.48

“Il Dottor Fischelson traeva un profondo respiro, alzava la testa quanto glielo consentiva il colletto duro e sentiva realmente di ruotare in compagnia della Terra, del Sole, delle stelle della Via Lattea e dell’infinita schiera di galassie conosciute soltanto dal pensiero infinito. Le gambe gli diventavano leggere, senza peso, ed egli si afferrava con entrambe le mani al davanzale della finestra, quasi temendo di poter perdere l’appoggio e di volare nell’eternità.”

Da “Lo Spinoza di via del Mercato” – Isaac B. Singer

(Visited 513 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Sketching around: da una finestra di Lurgan – Irlanda del Nord

Come dicevo qualche giorno fa, il tempo è stato (e continua ad...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.