Miscellanea: libri e film – Dicembre 2014

Libri:

  • “Racconti” – I. B. Singer

Immagine_Racconti_(Grandi_Romanzi_Corbaccio)_Isaac_B._Singer,Bruno_Oddera,Maria_Vasta_Dazzi,Mario_Biondi_-_2014-11-21_10.47.48Amo moltissimo Singer, da quando, decisamente piccola, lessi uno dei suoi racconti su un’antologia scolastica e ne rimasi folgorata. Era una storia semplice, tradizionale ebraica sulla notte di Hanukkah, del tipo storia di Natale, ma con una svolta data dall’arrivo del Diavolo. Da quel momento ho letto davvero tante opere del Premio Nobel, e questa raccolta di racconti va ad aggiungersi ad esse; sembra di leggere un libro di leggende. Fantastico come sempre.

Leggi un (meraviglioso) brano qui: Perdere l’appoggio e volare nell’eternità – da “Lo Spinoza di via del Mercato” di Isaac B. Singer

Voto: ★★★★★

  • “Hop Frog” – Edgar Allan Poe

51TCKELxxCLIl nano Hop Frog è stato rapito dal suo paese per diventare giullare alla corte di un re; l’unica sua amica è Trippetta. Quando il re la schiaffeggia, l’astuto nano decide di vendicarsi in modo terribile.
Si tratta di uno degli ultimi racconti di Poe, e va ad inserirsi nel filone dedicato alla vendetta.

Lo potete trovare gratuitamente scaricabile in ebook qui: Hop Frog su Feedbooks

Voto: ★★★★☆

 

Film:

  • “Miriam si sveglia a mezzanotte” – Tony Scott (1983)

the-hunger-movie-posterMiriam (Catherine Deneuve) è un vampiro molto antico e vive con il compagno John (David Bowie), al quale ha promesso vita eterna. Quando l’uomo inizia improvvisamente ad invecchiare molto velocemente entrerà in gioco Sarah (Susan Sarandon), giovane dottoressa che studia proprio l’invecchiamento. Il fascino di Miriam, però, non lascerà indifferente la giovane…
Questo è stato uno dei miei film preferiti per tutta l’adolescenza ed ancora oggi lo guardo con piacere: dark e di classe. E poi c’è anche Peter Murphy dei Bauhaus che canta “Bela Lugosi is Dead” 😉

Voto: ★★★★★

 

I prossimi due film sono stati scelti da me e Stevie dopo aver guardato un video che enumerava i dieci migliori peggiori film di sempre. Abbiamo optato (e non ce ne siamo pentiti) per la visione di:

  • “Birdemic” – James Nguyen (2008)

Joan_PINK_YELLOW_flat_CMYK_REV.psdPosto che i primi uccelli assassini ed esplosivi (sì, non sto scherzando, intendo proprio esplosivi) appaiono dopo una buona fetta di visione, questo film parla di una coppia appena formata che dopo una notte in un motel trova un’invasione di volatili pericolosissimi. La prima domanda dovrebbe essere: perché? Invece quelle che non possiamo evitare sono: com’è successo che questo film sia stato creato? Mi stanno prendendo in giro, vero?
Cercatevi un trailer e capirete come mai. Ho riso come una matta tutto il tempo: di horror ha giusto gli effetti speciali, il resto è pura, vera commedia.

Voto: ★☆☆☆☆/★★★★★

  • “The room” – Tommy Wiseau (2003)

THE_ROOMQuesto è davvero uno dei film più brutti che abbia mai visto: comprende una trama vaga, sviluppata inoltre in modo spesso distratto ed insensato, ed una recitazione pessima. Però c’è qualcosa di più: sarà l’estrema convinzione dell’attore/regista/sceneggiatore (sì, è sempre il signor Wiseau), saranno le scene senza senso, fatto sta che ci siamo divertiti un sacco a guardarlo. Non solo: alcune delle battute del film sono così epiche ed indimenticabilmente pessime che le usiamo ogni tanto per prenderci in giro o per scherzare tra noi.

Inoltre, cercando info sul regista, ho trovato la sua oscura biografia: semplicemente meravigliosa! Tommy Wiseau

Voto: ★☆☆☆☆/★★★★★

  • “Biutiful” – Alejandro González Iñárritu (2010)

11178003_800Iñárritu è uno dei miei registi preferiti. Lo seguo da Amores Perros, film dal quale ero stata letteralmente folgorata. L’unico che non mi ha fatta impazzire nella sua produzione ad oggi è l’acclamatissimo “Babel”, e sarà forse anche per questo che ci ho messo ben quattro anni per decidermi a guardare “Biutiful”. E ho fatto male: questo film è un meraviglioso pugno nello stomaco, uno dei pochi (forse addirittura l’unico) che negli ultimi anni mi hanno fatta piangere.
Uxbal è un criminale di Barcellona: vive gestendo il lavoro clandestino e sotterraneo di cinesi e senegalesi. Ma, in puro stile Iñárritu, le vicende ci portano più a fondo nella vita del personaggio, sino a svelarci le profondità del suo animo: Uxbal, che non ha mai conosciuto il proprio padre, è a sua volta genitore di due bambini che cerca di crescere nel miglior modo possibile, continuamente in contrasto con una ex moglie bipolare e fragile. Il film segue le sue vicende dal momento in cui gli viene diagnosticato un cancro con una previsione di vita di pochi mesi.

Voto: ★★★★★

  • “In her skin” – Simone North (2009)

51TFSL+vqALQuesto film ricostruisce la storia vera dell’uccisione della quindicenne Rachel Barber da parte di Caroline Reed Robertson, accaduta nel 1999 in Australia.
Caroline, ex vicina di casa e baby sitter della famiglia Barber, è una giovane donna molto disturbata che diventa ossessionata con la giovane, bellissima e talentuosa ballerina Rachel. Poiché non riesce a diventare sua amica, la uccide.

Voto: ★★★☆☆

(Visited 401 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Ritorno a Narnia: una visita alla nuova piazza di Belfast dedicata a C. S. Lewis

Charles Staples Lewis, l'autore della saga "Le Cronache di Narnia", nacque a...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.