Top ten: 10 luoghi da visitare a Genova

Come annunciato nell’articolo che *mannaggia* mi è scappato prima di quello “ufficiale”, partecipo alla bella iniziativa di TrippandoGiochiamo agli Insiders“. Come sapete, questo non è nello specifico un blog di viaggi, ma più un blog di “viaggiare”, ovvero di vita tra due nazioni; però il discorso fatto da Trippando.it non fa una piega: se devo parlare di luoghi, di certo scelgo quelli più lontani…ma la mia città? Genova è bellissima, ma ne parlo poco e nulla. Ecco da dove nasce l’idea che hanno avuto: per una volta, impegnamoci a parlare della città in cui viviamo.

Il primo articolo proposto è: “Top Ten: le 10 principali cose da vedere e fare nella nostra città“.

Poiché non ho ancora praticamente parlato di Genova, parto proprio dalla base: ecco le dieci principali cose da vedere nella mia città.

1) Piazza De Ferrari e Palazzo Ducale:

Se dovessi scegliere un luogo per rappresentare il centro di Genova, questo sarebbe proprio Piazza De Ferrari, limite tra la città più moderna ed i vicoli, con la sua fontana che ogni tanto si colora di tinte diverse a seconda delle ricorrenze, e l’importantissimo Palazzo Ducale, centro pulsante della cultura genovese. A Palazzo Ducale si tengono le mostre più prestigiose della città, come quella di Frida Kahlo e Diego Rivera di cui vi ho parlato qualche giorno fa.
Non solo: su Piazza De Ferrari si affacciano anche il Palazzo della Borsa, l’Accademia Ligustica ed il prestigioso Teatro Carlo Felice.

2) Galleria Mazzini

Galleria Mazzini è un esempio di architettura del ferro: creata negli anni ’70 dell’Ottocento, è stata progettata prendendo ispirazione dalla Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Uno dei motivi per i quali mi piace molto, oltre all’ovvia storicità del luogo, è che dal 1926 qui, nel periodo pasquale ed in quello natalizio, si tiene la Fiera del Libro. Se passate il quarto mercoledì e giovedì del mese, inoltre, troverete la Fiera dell’Antiquariato (proprio quella che abbiamo immortalato nelle nostre foto).

3) Via Garibaldi:

Per spiegarvi Via Garibaldi, potrei direttamente citare la frase sulla quale io e mia sorella abbiamo concordato mentre vi passeggiavamo scattando le foto: “per capire di cosa si parla, bisogna esserci stati”. Altoparlanti diffondono musica soft e retrò mentre si passa accanto ad un edificio storico dopo l’altro. Qui sono Palazzo Bianco e Palazzo Rosso ed alcuni dei Rolli, gli edifici presenti nell’antica lista delle dimore più prestigiose dell’antica Genova. Parliamo di Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

4) La Cattedrale di San Lorenzo:

Antichissima, risalente nella prima costruzione al 1100 e poi con interventi successivi, la Cattedrale Metropolitana di San Lorenzo è il luogo di culto più importante di Genova. La facciata è caratterizzata da portali gotici e dal paramento in bianco e nero, tipico dell’architettura genovese. Le torri campanarie sono due, ma una non è stata completata per via della morte dell’architetto. Spero presto di dedicare un articolo singolo a questo luogo, uno dei miei preferiti in assoluto in quanto a bellezza ed anche a curiosità ad esso legate.

5) I caruggi:

Genova è una città di contrasti: il mare e i monti, moderno e antico, l’orizzonte aperto e le vie strette…
I vicoli sono il cuore pulsante di Genova: una città vecchia nella città, piena di passaggi angusti, dove il sole quasi non arriva e mille odori si mescolano nell’aria. Una visita di Genova non può prescindere dai Caruggi, dai suoi vicoli, che ne rappresentano la parte più genuina.
Consiglio: i Caruggi sono bellissimi, ma se ci capitate senza conoscere i luoghi, fate attenzione; sono certa non farebbe piacere a molti perdervisi nel mezzo, ed alcune zone sono pericolose, soprattutto la notte.

6) Sottoripa:

Sottoripa è l’antica via porticata che divide i caruggi dallo spazio a mare. Qui non vi è solo la storia di Genova, ma di tutta Italia: si tratta infatti dei più antichi porticati pubblici dei quali si sia a conoscenza in tutto il paese.
Ad oggi sotto questi portici si susseguono antiche botteghe, tra le quali molte tipiche friggitorie, e negozi di cibi e prodotti etnici.

7) Il Porto Antico:

Il Porto Antico è un altro dei punti più importanti della città. Una volta zona portuale pericolosa e semi-abbandonata, negli anni Novanta è stato recuperato e reso area di passeggio e nel quale assistere ad eventi. Qui c’è il famosissimo Acquario di Genova, il più grande d’Italia e secondo in Europa, nonché la bolla (Biosfera) di Renzo Piano ed il Galeone originale del film “Pirati”.
Inoltre, è bellissimo al tramonto:

8) La Lanterna:

DSC_0065lVisibile dal Porto Antico, così come da molte altre parti nel ponente di Genova, e soprattutto dal mare, la Lanterna è il simbolo della città: oltre a guidare i naviganti verso il porto, è anche un pezzo di storia cittadina ed italiana; anche in questo caso Genova ha un primato nel nostro paese e non solo: la Lanterna è il faro più alto del Mediterraneo, nonché il terzo faro più antico al mondo ancora in funzione, con una costruzione risalente al 1543.

9) Villa Durazzo-Pallavicini:

Questa Villa, caratterizzata da uno dei più importanti giardini storici europei, non è nel centro città, bensì nel quartiere di Pegli, nel ponente genovese. Tuttavia, se siete stati attenti nell’ultimo periodo, non avrete perso il mio articolo su come arrivare con il servizio Navebus direttamente dal Porto Antico a Pegli 😉
La mia scelta, tra tutte le miriadi di cose che potevo elencare, è ricaduta su questo luogo perché trovo sia una delle attrazioni più belle presenti sul territorio della mia città. La villa vera e propria è adesso sede del Museo Archeologico, mentre l’immenso parco storico è stato in gran parte ristrutturato e rimesso in mostra (manca purtroppo una parte, ancora chiusa al pubblico perché semi-distrutta dai vandali, in attesa di fondi). C’è un piccolo biglietto d’ingresso da pagare per la visita del parco; mi piacerebbe andaste in molti per aiutare la riqualifica ed il restauro di un luogo che rimarrà di certo nei vostri cuori.

10) Il Cimitero Monumentale di Staglieno:

Eccoci arrivati all’ultimo luogo che vi consiglio di visitare nella mia città. Il Cimitero di Staglieno è anch’esso, come Villa Durazzo-Pallavicini, fuori dal centro città; si trova nel quartiere di Staglieno, in Val Bisagno, a circa 15-20 minuti di bus dalla Stazione di Genova Brignole. Perché visitarlo? Perché è uno dei cimiteri monumentali più importanti d’Europa ed ha una concentrazione ed importanza di monumenti e sepolture tale da essere considerato un museo a cielo aperto. Per darvi un’idea: la sua estensione è tale che all’interno c’è un servizio di bus che porta da una zona all’altra. Qui sono sepolte molte personalità, tra le quali Giuseppe Mazzini, Edoardo Sanguineti, Fernanda Pivano e Constance Loyd (moglie di Oscar Wilde).

Alcune delle foto dell’articolo sono di Alessandra Agrini: ci siamo divertite ad andare in giro per la città con le macchine fotografiche al collo 😉

DSC_0102lGrazie Trippando per la bella idea; al prossimo articolo da Insiders! 🙂

(Visited 1.246 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Formazione ai Fashion Digital Workshop di D4B @ HOMI Milano

formazione s.f. Acquisizione di una determinata consistenza materiale o fisionomia spirituale. –...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.