La teoria dell’improbabilità – Arthur Machen

La traduzione è mia, quindi non assicuro nulla. Just enjoy! 😉

machenl“Sai, Phillips, “disse Dyson passeggiando su e giù per la stanza. “Ti dirò come lavoro. Agisco in base alla teoria dell’improbabilità. Non conosci questa teoria? Te la spiegherò. Supponiamo io sia sui gradini di St. Paul ed attenda che un uomo cieco e zoppo della gamba sinistra mi passi accanto, è evidendemente molto improbabile che io possa vedere una persona del genere attendendo un’ora. Se attendo due ore l’improbabilità è diminuita, ma ancora enorme, ed un appostamento di un giorno intero darebbe comunque una piccola possibilità di successo. Ma supponiamo che io stia nella stessa posizione giorno dopo giorno, e settimana dopo settimana, non ti sembra che l’improbabilità diminuisca costantemente – diventando minore quotidianamente? Non vedi che le due linee non parallele gradualmente si avvicinano, accostandosi sempre di più ad un punto di incontro, sino a che infine non si intersecano, e probabilmente svaniscono insieme? Questo è il modo in cui ho trovato la tavoletta nera. Ho seguito la teoria dell’improbabilità. E’ l’unico principio scientifico che io conosca che possa far trovare un uomo sconosciuto in mezzo a cinque milioni di altri.”

Da “The Red Hand” – Arthur Machen

Acquistalo su Amazon: The Red Hand and the White People

(Visited 344 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Sketching around: da una finestra di Lurgan – Irlanda del Nord

Come dicevo qualche giorno fa, il tempo è stato (e continua ad...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.