Il Terzo WabiSabi Coworking Day allo Studio Souk – Belfast

Come avevo già annunciato in uno degli ultimi articoli qui su Bohemian Wanderer, la settimana scorsa ho partecipato al WabiSabi Coworking Day organizzato nel meraviglioso, creativo Studio Souk di Belfast dalle menti che stanno dietro all’agenzia di comunicazione Sensei.

Visto che non mi piace vincere facile, si è trattato della mia prima esperienza di coworking ed anche del mio primo incontro con freelance e professionisti a Belfast.

Com’è andata? Bene, direi. Per me è sempre un lavorone passare giornate interamente dedicate al dialogo in inglese, ed ammetto di essere stata molto spaventata e nervosa in un primo momento proprio a causa di questo. Tuttavia, a mano a mano che la giornata andava avanti, mi sono rilassata ed ho cercato di superare la mia timidezza (eh sì, c’è anche quella) chiacchierando con i presenti. E’ stato bello scoprire di essere quasi tutti provenienti da diversi ambiti, e quindi sentire di avere la potenzialità di vedere lo stesso problema da diversi punti di vista.
È stata un’esperienza interessante sotto molti aspetti ed organizzata in modo ineccepibile: ora vi racconto qualcosa in più e vi mostro le foto che ho scattato.

co-working dayPer cominciare, due parole sull’evento e l’organizzazione: WabiSabi è una comunità di professionisti con base in Irlanda del Nord che ha come scopo la creazione e gestione di uno spazio di coworking a Belfast. Al momento sta organizzando eventi giornalieri ai quali sono invitati a partecipare lavoratori indipendenti per conoscersi e fare rete; il Coworking Day al quale ho preso parte è il terzo organizzato ad oggi, ed un quarto è in cantiere per il mese di Giugno. Mi piace molto l’idea di riunire freelance e lavoratori indipendenti in eventi dedicati: poiché si è abituati al lavoro da casa, non è in genere facile fare gruppo, ed una delle cose che mancano maggiormente è l’avere accesso al prezioso dialogo con altri professionisti. Inoltre ho apprezzato molto il sostegno che viene dato ad altri spazi di coworking sparsi per l’Irlanda del Nord e la scelta delle location, che non fa rimpiangere la propria scrivania.

Visto che ho parlato di location, vi presento il luogo scelto per questa giornata di coworking: lo Studio Souk è un negozio pieno pieno di particolarissimi oggetti artistici e fatti a mano; già dall’esterno è chiaro che si sta per entrare in un luogo che di comune ha ben poco.

All’interno troviamo un bar, alcuni spazi nei quali artisti ed artigiani lavorano ed infine una sala con un bellissimo tavolone di legno e libri ovunque, che è dove la nostra giornata si è svolta.

La mia italianità ha fatto sì che le pause conviviali mi aiutassero un po’ nell’impresa di essere più socievole: trovo più semplice chiacchierare di fronte ad un caffè ed una brioche come fossi al bar, piuttosto che attaccar bottone durante le ore di lavoro. Ecco quindi che la colazione ed il pranzo sono diventati momenti di condivisione e di scambio.

Tuttavia non eravamo lì solo per conoscerci, ma anche per lavorare, e così è stato: praticamente non ho avuto un momento libero in tutta la mattina!

DSC_0070blFortunatamente, durante il pomeriggio ho avuto un po’ di respiro, così finalmente ho potuto scambiare due chiacchiere e conoscere meglio alcune delle realtà indipendenti che hanno preso parte all’evento. Ho toccato con mano l’ambiente coworking, che avevo sentito (a ragione) definire come estremamente creativo ed aperto: essendo stata la mia prima volta, si è trattato più di un evento conoscitivo, ma le potenzialità date dal poter lavorare gomito a gomito con professionisti di vari, diversi settori non mi sono sfuggite.

DSC_0085blConcludendo, è stata un’esperienza davvero arricchente e mi ha fatta sentire molto coraggiosa: partecipare ad un evento in un paese estero, in lingua inglese, sola soletta? Sino a qualche tempo fa non me la sarei davvero sentita! Invece oggi, non solo sono contenta, ma penso sia assolutamente da rifare!

Spero dunque di essere in Irlanda del Nord per le prossime date che Dawn e Allen stanno organizzando: se volete saperne di più, seguiteli su Facebook e Twitter.

(Visited 179 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Dal mio sketchbook – Marzo 2018

Dal mio sketchbook - Marzo 2018
Read More

3 Comments

  • Mi sarebbe piaciuto essere lì a condividere questo momento lavorativo! Bellissimo il posto, bellissima pure la tua agend… aaaaa satana esci da questo corpo! Devo smetterla col materiale di cartoleria! Dicevo? Ah sì: bellissima esperienza di scambio professionale e culturale! Vado sui ceci e a scrivere sulla lavagna “non comprerò più agende in vita mia, non comprerò più agende in vita mia”… #uccidetemiora

    • Ahahaha! L’agendite!!! Comunque avrebbe fatto piacere anche a me, ma vedrai che in Italia rimedieremo presto 😉 Ci sentiamo nei prossimi giorni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.