La mattina dopo.

black-windows_542931Che disperazione leggere quel che è accaduto la notte scorsa a Parigi, e che disperazione leggere i tanti commenti che oggi mi rendono Facebook e gran parte del web infrequentabili. Lo sappiamo bene che l’odio genera odio, ma vedere il vecchio detto all’opera è sempre spaventoso, e leggere e osservare molti accanirsi come cani rabbiosi contro i più deboli – coloro che sono scappati da guerre che non volevano, come forse noi domani – mi spaventa ancor più.

Sarà che qui, quando cammino per le strade e parlo con la gente, sono io l’immigrata e ogni tanto qualcuno mi tratta anche “come tale”, dandomi il ben servito che secondo tante voci lette oggi sarebbe giusto.
Sarà che vengo da un popolo di migranti e il mio compagno da un altro popolo di migranti, e prima o poi uno dei due finirà comunque a vivere in un paese straniero e, che sia io o Stephen, certi comportamenti faranno male comunque.
Sarà che ho due amici, uno parigino e uno rifugiato siriano, e stamattina, lette le notizie, mi sono chiesta se entrambi stessero bene. E continuo a pensare che, se fossimo stati tutti a Parigi, con molta probabilità ci saremmo ritrovati a quel concerto: un’italiana, un nordirlandese, un francese e un siriano. Che differenza avrebbe fatto la nazionalità, nel caso uno di noi fosse stato colpito?

Non confondiamo il crimine con la cultura e resistiamo alla tentazione di diventare bestie noi stessi: non facciamoci rubare l’anima, restiamo umani.

(Visited 122 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Il Paradiso di Monterosso ha bisogno anche del tuo aiuto

C’è un luogo nella mia Liguria, in provincia di La Spezia, che...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.