Gruyères: romantici castelli e insegne medievali nella Svizzera francese

Come chi mi segue saprà, circa un mese e mezzo fa ho avuto la possibilità di passare qualche giorno in Svizzera. Sono stata ospite nella Svizzera tedesca (curiosi di conoscere i cibi che ho assaggiato? Leggete anche questo articolo: Sketching around – Cibi nuovi assaggiati in Svizzera), ma ho avuto la fortuna di visitare anche un paese famoso e ricco di storia della Svizzera Francese; è nella regione di Friburgo e si chiama Gruyères, vi ricorda qualcosa?

Certo che sì! La prima cosa che viene in mente sentendo pronunciare il nome, ovviamente, non può che essere il famoso formaggio Gruviera, che proviene infatti da questa zona: all’ingresso del paese, alle pendici della collina sulla quale l’abitato e il castello si ergono, troviamo a ricordarcelo uno dei caseifici nei quali il Gruviera DOP viene prodotto e al suo interno un vero e proprio museo a esso completamente dedicato.

Tuttavia, noi non abbiamo viaggiato per più di due ore attraverso la Svizzera per conoscere di più sul formaggio prodotto in queste valli, bensì per visitare un museo che era nella mia lista desideri da almeno 15 anni: sto parlando del Giger Museum, che a Gruyères, nella strana cornice di questo paese medievale, un po’ romantico e fiabesco, ha la sua sede.

Se penso a Hans Ruedi Giger, creatore di Alien e di molte opere dal sapore cupo e tetro, di certo non lo collego a un luogo come in realtà si presenta Gruyéres. Mi sarei aspettata che il Giger Museum fosse in un borgo medievale di quelli che frequentemente ho incontrato nell’entroterra ligure: fatto di luci, ma soprattutto ombre, di vicoli stretti e pietre a vista, corrose dal peso del tempo e delle vite passate, consumate tra gli edifici.

Il centro

Invece, in cima alla salita che porta a Gruyères (82 metri di collina!), rigorosamente percorsa a piedi dopo aver lasciato la macchina nel posteggio, ci si ritrova in un piccolo paese fatato: tante casette dipinte e decorate, per lo più alberghi, ristoranti e botteghe per turisti, danno sulla piazza principale, concentrata intorno a una delicata fontana.

Il castello

La collina non finisce alle porte del paese; tutta Gruyères è in salita, e sulla sommità si trova il castello risalente al XIII secolo, oggi tramutato in museo: dalle sue mura si può godere di un paesaggio mozzafiato, nel quale verde e roccia si uniscono per regalare un panorama tipicamente elvetico.

Château_de_Gruyères
By Michael Ehinger (Own work) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

Le insegne

des rempartslUna delle particolarità di Gruyères che mi hanno colpita è sicuramente quella delle insegne sparse un po’ ovunque in giro per il paese: si tratta di insegne storiche originali, per lo più in ferro battuto. Non ho resistito e ne ho disegnate alcune 😉

Su molte di esse, così come affrescato su alcuni edifici, troviamo ripetuta la rappresentazione della gru; si tratta di quella grue – in francese, appunto, significa “gru” – che dà il nome alla città e che ritroviamo sul simbolo araldico della Casata Gruyères, una delle più antiche della Svizzera.

Le mura

Ulteriore particolarità di Gruyères sono le mura: la cittadina, fiorente nel Medioevo e per lungo tempo sede del mercato locale, è circondata da fortificazioni; in parte si tratta delle case stesse, ma troviamo poi vere e proprie mura da difesa, sulle quali è ancora possibile camminare.


Come dicevo sopra, la mia visita a Gruyères era legata a uno scopo preciso; tuttavia, dato che il paese è stato una meravigliosa sorpresa, ho pensato meritasse un articolo su Bohemian Wanderer. In uno dei prossimi post scriverò invece delle mie impressioni sull’agognata visita al Museo di Giger. Se anche voi siete fan delle sue opere, continuate a seguirmi per non perdervelo 🙂

(Visited 271 times, 3 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Storm Frank arriva a Belfast

(Visited 33 times, 1 visits today) Correlati
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge