Creare una palette di acquerelli dentro il Traveler’s Notebook passport size

Come promesso qualche post fa, oggi vi mostro come utilizzare i Nicholson’s Peerless Transparent Water Colors per creare un inserto formato passport, al momento la soluzione migliore che io conosca per portare gli acquerelli sempre con voi. Se avete letto l’articolo nel quale vi parlavo di questi colori saprete già che non si tratta di un compromesso sulla qualità in favore della comodità, in quanto stiamo parlando di acquerelli vividissimi e con pigmenti molto concentrati.

Cercando sul web troverete diversi tutorial per creare le vostre palette portatili con i Peerless, alcuni con risultati bellissimi; il mio è davvero basilare perché volevo un semplice refill da inserire nel mio nuovo traveler’s notebook ZLYC misura passport (quindi molto piccolo) e non avevo molto tempo per realizzarlo, data la partenza per l’Italia quasi imminente.

Ecco il materiale che ho usato:

  • Nicholson’s Peerless Transparent Water Colors Starter Pack
  • ZLYC Traveler’s Notebook misura Passport (è il mio preferito, quello verde scuro)
  • Carta da acquerello
  • Fogli tavolozza portatile
  • Forbici
  • Nastro adesivo
  • Pennello
  • Stilografica da calligrafia

Per prima cosa ho creato con la carta da acquerello un piccolo refill di quattro pagine formato passport: ho semplicemente contato il numero di colori presenti nel libricino dei Peerless e ho pensato di inserirne due per pagina (così da lasciare un po’ di spazio per il nome del colore e un test dello stesso).

Ho poi scelto un’altezza del mio inserto di colore che potesse essere giusta per la pagina e che non rischiasse di esaurirsi subito, e ho tagliato i fogli di acquerello di conseguenza. Per evitare di dover misurare il colore a ogni taglio, ho preparato una striscia di carta e l’ho fissata con una mollettina di volta in volta al foglio di acquerello, come potete vedere nell’immagine.

Poi ho incollato le strisce di colore sulle pagine del refill utilizzando dello scotch sul retro; in questo caso sarebbe più pulito utilizzare dello scotch biadesivo, ma io non ne avevo e quindi ho utilizzato quello normale.

Dopo aver tagliato e incollato gli acquerelli, con il pennello ne ho preso un angolino e ho tracciato una linea sfumata sotto, così da avere sempre davanti il colore esatto che andrò a utilizzare. L’ordine della palette è quello all’interno del libricino della Nicholson’s: a questo proposito, quando si parla di set più ampi, a quanto pare alcuni artisti preferiscono provare prima le tinte e poi metterli in ordine di colore perché sembra che non lo siano.

Fate attenzione quando maneggiate gli acquerelli: accertatevi di avere le mani asciutte, mettete qualcosa a protezione del tavolo e rassegnatevi sin da subito, perché vi sporcherete le mani e ci metterete un po’ a ripulirle dato che i pigmenti sono piuttosto resistenti.

Una volta assicurati gli acquerelli al mio album autoprodotto, ho preparato i fogli di protezione intermedi: i fogli della Nicholson’s sono concentrati di pigmenti e l’ultima cosa che vogliamo è che sfreghino gli uni sugli altri, inquinandosi a vicenda, o che rimangano attaccati tra loro in caso siano ancora umidi quando giriamo pagina. Ecco perché è meglio inserire dei fogli che proteggano le nostre strisce di acquerello.

Sul web ho visto che in genere vengono utilizzati fogli di plastica trasparente, che fungono da protezione lasciando nel frattempo la nostra palette bella da vedere. Quando ho preparato la mia avevo dimenticato di acquistare questi materiali, quindi ho rubato qualche foglio dall’album di tavolozze portatili che Stevie usa per Warhammer e ho creato in questo modo le mie protezioni. Mi sembra una soluzione più che decente: se il colore si ferma sulla tavolozza, basta usare un po’ d’acqua per riutilizzarlo.

Con un po’ di semplice nastro adesivo ho assicurato i fogli protettivi tra le pagine della mia palette.

Infine ho usato la mia bellissima stilografica da calligrafia della “Manuscript” per riportare i nomi dei colori scritti all’interno del libricino Nicholson’s sopra ogni striscia di acquerello.

Ecco il risultato finale su Instragram:

Qualche info in più:

I colori li potete trovare qui: Nicholoson’s Peerless Transparent Watercolors

Il traveler’s notebook ZLYC potete acquistarlo qui: ZLYC Traveler’s Notebook

(Visited 527 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Father and Son: dal Passato al Futuro nel videogioco creato dal MANN e TuoMuseo

Father and Son è il primo videogioco al mondo pubblicato da un...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge