Father and Son: dal Passato al Futuro nel videogioco creato dal MANN e TuoMuseo

Father and Son
Father and Son è il primo videogioco al mondo pubblicato da un museo archeologico: le sue schermate ci regaleranno un’avventura che, utilizzando come fulcro la collezione e le sale del MANN, farà da ponte tra le diverse epoche.

Archeologia e videogiochi insieme? Due settori cronologicamente opposti per antonomasia si uniscono nell’ambizioso lavoro che vedrà la luce grazie al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. L’ultima fatica di TuoMuseo, progetto che applica la gamification in ambito museale, è prevista in uscita nella primavera 2017 e si chiamerà “Father and Son”: il videogioco utilizzerà storytelling e storydoing per raccontare di Michael, in viaggio a Napoli alla scoperta della storia del padre archeologo mai conosciuto, e portare noi con lui tra le strade della città campana e le sale del museo per quello che, di volta in volta, si tramuterà in un percorso fisico e anche cronologico.

Father and Son

Una nuova strategia di connessione con il pubblico

Il problema della visibilità per i musei, soprattutto in un paese come l’Italia dove ve n’è un’altissima concentrazione, è un nodo semplice quanto cruciale: se il pubblico non conosce il museo, non può decidere di andare a visitarlo.

A riflettere su questa piccola, enorme verità sono stati nientemeno che il direttore del MANN Paolo Giulierini e il Prof. Ludovico Solima (Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”): il concetto è divenuto la chiave per la stesura del Piano Strategico 2016-2019 del museo, nel quale è sottolineata l’esigenza di un approccio ai nuovi strumenti messi a disposizione dalla tecnologia e dalla rete per il raggiungimento di un pubblico più esteso sia a livello di età che di provenienza geografica.

Un videogioco: perché?

Il settore videogiochi nell’arco del 2016 ha superato i 90 miliardi di dollari, e in Italia raggiunge 1/3 del pubblico di adulti con età maggiore di 14 anni; unendo questi dati alle possibilità fornite del mercato mobile, che vede un numero consistente di dispositivi smart per persona, e alle vincenti strategie di gamification, ecco che si ha un mix che non potrà che essere di successo. Dati alla mano, la collaborazione con TuoMuseo e Fabio Viola, uno dei più importanti game designer a livello mondiale, è una scelta davvero interessante.

Father and Son sarà il ponte tecnologico che connetterà le collezioni del MANN (tra cui quelle incredibili di Pompei ed Ercolano!) con il pubblico, sia quello che già conosce il museo, sia quello virtuale che avrà la possibilità di approcciarlo e – chissà – un giorno visitarlo di persona. Non a caso il videogioco è stato creato sia in italiano che in inglese: il target è un pubblico internazionale, che potrà scaricare gratuitamente e senza pubblicità l’applicazione e conoscere il museo.

Un viaggio personale e senza tempo

Father and Son è il viaggio di un figlio, Michael, alla scoperta del padre archeologo mai conosciuto. La storia inizia con il ritrovamento di una lettera che guida il ragazzo verso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, e da lì si snoda per le vie della città e le sale del museo, seguendo uno schema narrativo 2D a scorrimento laterale. I luoghi sono solo parte di ciò che sarà visitabile all’interno del videogame: le vicende si svolgeranno anche in senso cronologico, creando un gioco di epoche che estenderà la nostra esperienza dalla storia personale del protagonista alla storia eterna della città di Napoli.

Dalle ultime 24 ore di Pompei prima dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. alle rovine della città romana, dalle architetture, i reperti e le opere contenute nelle collezioni del MANN all’antico Egitto e il periodo borbonico, seguiremo e indirizzeremo la storia del ragazzo, che incontrerà personaggi unici e potrà viverne le vicende visitando anche epoche passate.

Father and Son

Un capolavoro di ricostruzione grafica e illustrazione

Storia e ambientazione non sono gli unici dettagli che rendono questo titolo incredibile, dato che per la sua realizzazione sono stati riprodotti 3 km di strade napoletane: l’artista inglese Sean Wenham ha dipinto a mano tutte le grafiche, ricreando l’atmosfera unica delle vie della città. A questo si aggiunge una colonna sonora originale che varia a seconda delle epoche e delle emozioni del personaggio.

Father and Son: il viaggio senza tempo inizia a Marzo 2017

Il sito promozionale di Father and Son è già in rete: visitando il link troverete maggiori informazioni e potrete inviare una lettera personalizzata, proprio come quella che dà il via alla storia. Il videogioco vero e proprio, invece, vedrà la luce dalla prossima primavera, e sarà disponibile per il download gratuito e senza pubblicità su Google Play e Apple Store.


Informazioni:

Sito Ufficiale Father and Son
Pagina Facebook
Profilo Twitter
Sito Ufficiale MANN
Sito Ufficiale TuoMuseo

(Visited 151 times, 1 visits today)
More from Emanuela Mae Agrini

Oggi inizia la #MuseumWeek: unitevi ai musei di tutto il mondo su Twitter

UDITE UDITE! Oggi ha inizio una delle manifestazioni mondiali legate a web...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CommentLuv badge